Drew Houston, CEO e fondatore di Dropbox, è uno dei miei miti. E’ partito da un’idea molto semplice: quanto inutile e fastidioso fosse dover inviare file via email per lavorarci da casa o per condividerli con i colleghi; ed è arrivato a realizzare un prodotto, o forse un servizio, utile, semplice, comodo ed utilizzato da più di 100 milioni di utenti.

La leggenda vuole che un giorno Drew si trovasse alla stazione dei pullman di Boston, pronto a viaggiare 4 ore per raggiungere New York e che contasse di impiegare il tempo lavorando. Problema: aveva dimenticato la chiavetta a casa ed era troppo tardi per tornare indietro a prenderla. Invece che imprecare da Boston a New York, impiegò quelle 4 ore cominciando a programmare quello che sarebbe diventato Dropbox.

A 31 anni può dire di aver rifiutato un offerta di Steve Jobs (che si dice abbia fatto un’offerta per acquistare Dropbox nel lontano 2009, due anni prima di lanciare iCloud) e di essere nella classifica di Forbes degli uomini più ricchi del mondo. Inoltre, per attrarre e tenersi le persone migliori, ha creato degli uffici pazzeschi dove tutti vorrebbero lavorare.

 

Tornando al tema di questo post, Dropbox è un servizio di backup e storage online. Permette di salvare i propri file in una cartellina condivisibile con altri utenti e fruibile da qualsiasi supporto. Questo servizio può essere utilizzato sia per lavoro che nella vita privata. Ad esempio potrò salvare le foto scattate con il mio smartphone in Dropbox ed essere certa di non perderle se mi dovessero rubare il telefono. Oppure condividere presentazioni e contratti di lavoro con i membri del mio team senza doverle inviare via email e senza correre il rischio di intasare caselle di posta elettronica. Dropbox non è legata ad un particolare sistema operativo, si può quindi utilizzare da qualsiasi smartphone, computer e tablet. Se mi sto recando da un cliente e voglio verificare un’informazione dall’ultima proposta, non dovrò chiamare in ufficio, ma potrò semplicemente aprire il file salvato in dropbox dal mio smartphone.

Dropbox nella sua versione base è gratuito e offre la possibilità di utilizzare 2Gb di spazio, in più regala 500Mb per ogni nuovo utente portato. Esiste la possibilità di ampliare lo spazio a disposizione a pagamento.